Stash

Stash si presenta come un primo spazio di incontro tra l’artista visivo Moallaseconda, al secolo Jacopo Buono, e il performer/coreografo Jacopo Jenna. Stash è un magazzino danzato dove l’abbondanza di segni e riferimenti sfuma i confini tra noi e il mondo. Stash invita ad un immersione in un oceano ipnotico di azioni e suoni per determinare movimenti nascosti fuori e dentro il corpo. Stash getta una strana luce sulla natura ibrida delle cose, sulla relazione tra organico, materialità e forze impalpabili.

“STASH la cultura nascosta” di Luca Sposato Rivista Segno

site specific project for Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci
choreography and performance
Jacopo Jenna
visual and sound
Jacopo Buono (Moallaseconda)
production
spazioK / Kinkaleri

Stash is the first meeting space between the visual artist Moallaseconda, Jacopo Buono, and the performer / choreographer Jacopo Jenna. Stash is a dancing store where the abundance of signs and references blurs the boundaries between us and the world. Stash invites to dive into a hypnotic ocean of actions and sounds to reveal hidden movements out and inside the body. Stash put a strange light on the hybrid nature of things, the relationship between organic, materialism and untouchable forces.